16/09/2013 – Riprendono le conferenze AVA

16/09/2013 – Riprendono le conferenze AVA

Associazione Vegetariana/Vegan Animalista Associazione di Volontariato Onlus affiliata all’EVU via Cesena 14 Roma 00182 tel. 06 7022863 – 3339633050 vegetarianiroma@fastwenet.it; c.c.p.n. 58343153; c.f.n. 97365030580 In collaborazione con ABIN (Associazione Bergamasca di Igiene Naturale) www.vegetariani-roma.it; www.universalismo.it; www.medicinanaturale.biz IL DESTINO DI UN POPOLO DIPENDE DA COSA MANGIA Giovedì 19 settembre 2013 presso la sede AVA in piazza Asti 5/a, alle ore 17,30, conferenza del Dr. Valdo Vaccaro, Filosofo, Economista, Naturopata, esperto in Strategie Alimentari, sul tema TESTIMONIANZE DI AUTO-GUARIGIONE CON L’ALIMENTAZIONE TENDENZIAL-CRUDISTA Le sorprendenti prove dei benefici clinici della dieta vegana Il Relatore risponderà alle domande del pubblico —————————————————————————————————– É possibile crescere un bambino vegetariano? L’ex ministro della Sanità, Umberto Veronesi, afferma: “Vegetariani si può, vegetariani si deve. Anche da bambini! Rispetto ai coetanei onnivori, i bambini vegetariani sono più sani, hanno un quoziente intellettivo almeno equivalente e si ammalano di meno già alla scuola materna, perché hanno difese immunitarie migliori. Crescono inoltre più magri, pesano in media circa il 10% in meno riducendo così le patologie legate ai chili di troppo. Chi rinuncia a mettere gli animali nel piatto è dal 20% all’80% più protetto dalle malattie cardiovascolari, il 40% più preservato dal cancro e dal 20% al 60% più protetto dall’ipertensione”. “I professori nelle università insegnano cose errate sull’argomento alimentazione, gli studenti a loro volta insegneranno non in maniera corretta i loro futuri alunni o pazienti e così via.Le riviste medico scientifiche piu accreditate sono sul libro paga delle multinazionali farmaceutiche e pubblicano solo ciò che è consentito loro di pubblicare o ciò che è imposto loro dalle suddette multinazionali. Molti medici e ricercatori, sulla base anche di numerose ricerche, per la maggior parte “insabbiate”, sono coscienti degli effetti dannosi del consumo di carne, ma hanno le mani legate. Io, che sono uno scienziato di fama internazionale, posso prendermi il lusso di fare queste affermazioni, se lo facessero loro, probabilmente non lavorerebbero più. L’industria alimentare e le multinazionali farmaceutiche viaggiano di pari passo, l’una ha bisogno dell’altra e queste due entità insieme, generano introiti circa venti volte superiori a tutte le industrie petrolifere del globo messe insieme potete quindi ben capire che gli interessi economici sono alla base di questa disinformazione. Se tenete conto che ogni malato di cancro negli Stati Uniti fa guadagnare circa 250.000 dollari a suddette multinazionali, capirete che questa disinformazione è voluta per farvi ammalare per poi tentare di curarvi”. Umberto Veronesi ———————————————————————– Mercoledì 4 settembre hanno sparato al nostro gatto: il gatto è sopravvissuto e tornato a casa ferito alle zampe anteriori. Ti invio la foto del nostro gatto, appena ferito (ecco cosa ha fatto un cacciatore mercoledì 4 settembre 2013 nel “civilissimo” comune di Oriolo Romano, all’avanguardia nella raccolta differenziata!). Il veterinario dice che il gatto dovrebbe tornare a camminare bene in due mesi, ma dice che chi ha sparato lo ha fatto per uccidere! Dalle lastre si vede che il gatto ha tracce di proiettili nelle due zampe: nella destra ha ossa rotte e molto tessuto lacerato (i proiettili erano quelli che scoppiano una volta entrati nella carne!) E’ stato un miracolo che non è stato colpito nella pancia: lì non si sarebbe salvato! I colpi sono stati sparati da una carabina con il silenziatore in pieno giorno (tra le 14. e le 15.) a 100 metri di distanza dalle case abitate: noi eravamo vicino alla casa e non abbiamo sentito i colpi! La legge vieta da sparare a queste distanze dalle case abitate. Nel terreno, sempre a 100 metri dalle case abitate, troviamo spesso cadaveri di cornacchie sparate! Abbiamo informato di ciò i carabinieri del paese: riusciranno a fermare questo scempio??? E’’ bene che si sappia!!! Luisa

All’interno della Rassegna Stampa vengono pubblicati gli articoli di altre testate giornalistiche complete di eventuali nomi propri di persone coinvolte nei fatti. Europeanconsumers non vuole mettere alla gogna nessuno, pertanto chiunque voglia cancellare il proprio nome da un articolo pubblicato potrà farlo semplicemente mandando una mail a info@europeanconsumers.it indicando il proprio nome e l’indirizzo dell’articolo in questione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *