17/10/2013 – Canapa, pianta salvifica, perché fu proibita in Italia?

17/10/2013 – Canapa, pianta salvifica, perché fu proibita in Italia?

Paolo d’Arpini spiega perché la canapa è stata eliminata in Itala

Di solito di una legge severa si dice che è “fascista”, così non è però per la coltivazione e l’uso della canapa. Infatti la proibizione scattò con l’avvento della “repubblica democratica” mentre durante il ventennio il governo la considerò una risorsa primaria. Fra le clausole “segrete” a cui l’Italia dovette sottostare alla fine della seconda guerra mondiale, c’era quella di interrompere la produzione di canapa (le sementi furono cedute alla Francia o distrutte), con la scusa di “impedire che la gente la usasse come droga”. La proibizione… avvenne “di fatto” – (non risulta nei trattati ufficiali) dopo la visita di Alcide De Gasperi negli Usa e l’entrata dell’Italia nella alleanza atlantica – e da allora il governo italiano mise fuori legge la coltivazione. Alcuni “maligni” riscontrano che la cosa coincise con la contemporanea “importazione” delle fibre sintetiche (ricavate dal petrolio) che potevano affermarsi solo con l’eliminazione della canapa, la cui fibra tessile naturale è conosciuta da millenni. Inoltre i petrolieri USA erano totalmente contrari al possibile uso combustibile di questa pianta miracolosa…. Continua: http://www.aamterranuova.it/Blog/Riconoscersi-in-cio-che-e/Canapa-pianta-salvifica-perche-fu-proibita-in-Italia

All’interno della Rassegna Stampa vengono pubblicati gli articoli di altre testate giornalistiche complete di eventuali nomi propri di persone coinvolte nei fatti. Europeanconsumers non vuole mettere alla gogna nessuno, pertanto chiunque voglia cancellare il proprio nome da un articolo pubblicato potrà farlo semplicemente mandando una mail a info@europeanconsumers.it indicando il proprio nome e l’indirizzo dell’articolo in questione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *