Sull'uso di pesticidi altamente pericolosi nei siti del Patrimonio Mondiale -

Sull’uso di pesticidi altamente pericolosi nei siti del Patrimonio Mondiale

I partecipanti al Forum internazionale della società civile (ONG) sul patrimonio mondiale, svoltosi dal 22 al 23 giugno 2018,  a Manama , Bahrain, considerando che:

• i pesticidi svolgono un ruolo chiave nel degrado delle risorse naturali, degli habitat e della biodiversità che sperimentiamo oggi e il modello agricolo ad alta intensità di pesticidi è stato identificato come una delle principali cause di perdita di biodiversità;
• l’uso di pesticidi porta a notevoli rischi per la salute delle persone, dovuto ad esempio al contatto diretto durante l’applicazione, alla deriva di pesticidi dai campi o alla contaminazione di cibo o acqua potabile;
• la crescente preoccupazione dell’opinione pubblica sull’uso dei pesticidi e sulla domanda pubblica per proteggere la salute dei cittadini e quella dell’ambiente dai pesticidi tossici e garantire il benessere delle comunità;
• la recente nomina della regione del Prosecco DOCG a Treviso (Italia) per diventare patrimonio mondiale dell’UNESCO nel 2017 ha rivelato l’urgenza di un’azione da parte dell’UNESCO per quanto riguarda l’uso di pesticidi pericolosi nei siti designati;
• i cittadini della regione del Prosecco sono stati attivi nella lotta basata sulla comunità contro l’uso di pesticidi pericolosi per proteggersi dall’esposizione. L’uso intensivo di pesticidi ha già dimostrato effetti negativi sulla salute della popolazione locale e sulla qualità della vita nella regione;
Pagina 3 di 3
• l’uso di pesticidi altamente pericolosi non è necessario per salvaguardare la produzione di vino e proteggere il patrimonio culturale della regione del Prosecco. L’Italia ha un buon curriculum con regioni / città senza pesticidi e una cattiva esperienza di effetti nocivi sulla salute derivanti dai pesticidi che vanno dalle intossicazioni acute al cancro;
• Il recentissimo rapporto dell’agenzia per l’ambiente italiana ISPRA ha rivelato che le risorse idriche superficiali e sotterranee dell’Italia soffrono di una grave contaminazione da pesticidi;
• la Convenzione del 1972 sulla protezione del Patrimonio Culturale e Naturale Mondiale dovrebbe garantire la coerenza delle politiche con l’agenda di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite come sancito nel documento “Trasformare il nostro mondo: l’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile”, gli standard internazionali umanitari esistenti e altri aspetti ambientali negli accordi multilaterali;
• Gli Stati parti della Convenzione del 1972 sulla protezione del Patrimonio Culturale e Naturale Mondiale dovrebbero “assicurare un giusto ed equo equilibrio tra conservazione, sostenibilità e sviluppo, in modo che le proprietà del patrimonio mondiale possano essere tutelate attraverso attività appropriate che contribuiscano allo sviluppo sociale ed economico e la qualità della vita delle nostre comunità ”

raccomandano al Comitato del Patrimonio Mondiale e al Centro del Patrimonio Mondiale

• che quando si sceglie il Patrimonio Culturale e Naturale in tutto il mondo, il benessere e la salute dei suoi abitanti, delle generazioni future e dell’ambiente non siano trascurati o messi in pericolo dall’uso di pesticidi altamente pericolosi (HHP);
• che le linee guida dell’UNESCO in relazione all’uso dei pesticidi sui siti elencati dovrebbero  essere espresse in modo più specifico e che i siti del patrimonio mondiale devono essere esenti dall’uso di HHP devono essere esenti dal loro uso o almeno fornire un sistema per un divieto progressivo di HHP la cui attuazione è monitorata dall’UNESCO.
• che il catalogo dei criteri per l’identificazione dei siti del patrimonio mondiale dovrebbe includere come criterio l’uso di pesticidi pericolosi. Gli indicatori chiave per misurare lo stato di conservazione dovrebbero anche prendere in considerazione l’uso di pesticidi altamente pericolosi;
• utilizzare l’elenco PAN International di pesticidi altamente pericolosi per identificare gli HHP (4 http://pan-international.org/wp-content/uploads/PAN_HHP_List.pdf). L’elenco si basa sui criteri stabiliti dall’Organizzazione per l’alimentazione e l’agricoltura (FAO) e dall’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) delle Nazioni Unite

raccomandano agli State Parties di:

• non certificare la monocultura dei 15 comuni del Prosecco DOCG di Treviso (Italia) come patrimonio umano fino a quando non interromperanno l’uso di pesticidi altamente pericolosi e garantiranno il benessere e la salute dei suoi abitanti.
• non conferire lo status di patrimonio mondiale in nessuna regione in cui siano utilizzati pesticidi altamente pericolosi (HHP) (e non sia previsto alcun obbligo vincolante per un’uscita graduale dal loro utilizzo).

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *