Pubblicato il dossier di European Consumers sull’impatto di LED e OLED su salute e ambiente

Leggi il dossier: Ricerca e normativa sui LED

In questi ultimi anni la tecnologia più innovativa che si sta inserendo nel mercato illuminotecnico, in sostituzione di altre sorgenti di luce tradizionali, è quella basata su materiali semiconduttori (diodi) che convertono l’elettricità in luce (illuminazione allo stato solido, Solid State Lighting, SSL). Questa tecnologia comprende l’illuminazione a LED (Light Emitting Diode, che tradotto in italiano significa “Diodo ad emissione di luce“.) e a OLED (Organic Light Emitting Diode). Tali dispositivi generano una luce intensa in diverse tonalità e variazioni cromatiche  e prevedono al loro interno sorgenti di luce puntiforme e ad elevata intensità. Si tratta di una sorgente ad elevata efficienza luminosa (alto rapporto tra flusso luminoso emesso sulla potenza assorbita) e la potenza elettrica assorbita, espresso in lumen per watt (lm/W), è fino a dieci volte migliore di quella delle incandescenti e quattro volte maggiore di quella delle cosiddette lampade a basso consumo.

Nonostante l’ utilizzo si stia rapidamente diffondendo risultano scarsi gli studi volti a valutare gli impatti ecologici di tale tecnologia. Rimangono per lo più ignoti gli effetti sulla fauna.

Nella ricerca dell’efficienza energetica non si possono trascurare gli effetti ambientali e la giusta relazione tra ecologia ed economia appare necessaria per uno sviluppo sostenibile di questa tecnologia.

Per questo motivo European Consumers ha deciso di approfondire la questione con un apposito dossier che potete liberamente scaricare dal link: Ricerca e normativa sui LED

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *