26 ottobre 2018 – Alcol a minori, sanzioni

IL RESTO DEL CARLINO

Alcol a minorenni e orari violati

Il questore ha chiuso un minimarket di via Garibaldi e un bar di via Foro Boario

Ferrara, 25 ottobre 2018 – LA STRETTA della questura sui locali fa abbassare altre due serrande. La prima è quella di un minimarket di via Garibaldi, il cui titolare avrebbe venduto superalcolici a dei minorenni. La seconda è quella del bar ‘777’ di via Foro Boario, pizzicato per ben due volte aperto oltre l’orario consentito. I provvedimenti di chiusura (quindici giorni di stop per ciascun esercizio) sono stati notificati mercoledì pomeriggio dagli agenti della polizia di Stato, al termine di una serie di verifiche che hanno coinvolto anche carabinieri e polizia municipale.

 

ESTENSE

Alcol a minori e irregolarità continue: chiusi due locali

Sospesa la licenza al minimarket di via Garibaldi e al bar 777 di Foro Boario. Due 15enni finiscono in ospedale per intossicazione da alcol

La polizia di Stato mette i sigilli ad altri due locali di Ferrara. Si tratta di un minimarket in via Garibaldi, che ha venduto vodka a due 15enni, finite in ospedale per intossicazione da alcol, e dell’ormai noto bar 777 in via Foro Boario, già multato per la musica alta di notte, che ha preso il posto del Macao a cui era stata revocata la licenza per diverse irregolarità.

La chiusura è frutto di una sinergica attività tra polizia di Stato, Arma dei carabinieri e polizia municipale di Ferrara. I provvedimenti del questore sono stati notificati mercoledì pomeriggio e hanno comportato la sospensione della licenza ai due esercizi commerciali che si sono resi responsabili di illeciti amministrativi.

Il primo provvedimento riguarda la vendita di superalcolici da parte del minimarket di via Garibaldi, gestito da cittadini bengalesi, verso due minorenni classe 2003, la cui serata alcolica è finita nel reparto d’urgenza della pediatria dell’ospedale di Cona, dove le due 15enni sono state ricoverate per ottenere le cure necessarie e smaltire l’intossicazione alcolica.

L’intervento effettuato dai carabinieri ha consentito poi alla Divisione Pasi della questura di ricostruire ciò che è accaduto la sera di sabato 29 settembre. Le due giovanissime, infatti, si sono recate all’interno del minimarket dove il commerciante ha venduto una bottiglia di vodka, tra l’altro senza emettere neanche lo scontrino fiscale pari a 11 euro.

Il personale della Pasi, recuperata la Scia comunale rilasciata dal Suap, e verificati anche gli aspetti legati alla gestione dell’attività, ha proceduto alla contestazione amministrativa della sanzione di 333 euro per aver venduto bevande alcoliche a minori di 18 anni.

La chiusura del minimarket, essendo la prima violazione, è di 15 giorni ed è stata comminata per salvaguardare e tutelare la sicurezza dei giovani che frequentano il centro cittadino e che non devono trovare così facilmente la possibilità di acquistare superalcolici senza che i commercianti si accertino della loro maggiore età, a tutela della propria incolumità.

Analogo provvedimento, sempre della durata di 15 giorni, riguarda il bar “777” di via Foro Boario, la cui gestione affidata a cittadini di origine cinese, ha creato diverse problematiche dalla data della sua apertura risalente a gennaio di quest’anno (prima nello stesso immobile c’era una sala Vlt, sempre gestita da cinesi con insegna “Macao”, la cui licenza come detto è stata revocata dalla questura per irregolarità multiple).

La contestazione in questo caso ha riguardato il mancato rispetto della chiusura del bar alle 20, orario già ridotto dal Suap del Comune di Ferrara per irregolarità riscontrate sull’esercizio dell’attività.

A partire dall’8 agosto, e per un periodo di sei mesi, il locale avrebbe dovuto ultimare la sua attività alle 20 ma, diversamente, per ben due volte il personale della polizia commerciale del Comune di Ferrara ha riscontato che i baristi continuavano a somministrare alcolici ben oltre tale limite.

Un provvedimento disatteso più volte dai gestori del bar, quello imposto dal Comune per contrastare gli abusi, considerato poi che lo stesso Comune già aveva ridotto l’orario dell’attività nella speranza che il gestore si adeguasse al rispetto delle norme e dei regolamenti imposti.

Ne è derivata pertanto l’applicazione dell’articolo 100 del Tulps per arginare i fenomeni di degrado delle aree urbane, atteso anche che nel corso del 2018 altre sanzioni sono state contestate al titolare del bar 777, per disturbi della quiete pubblica a causa della diffusione di musica in orario non consentito, per violazione della norma antifumo causata dalla non corretta gestione della sala fumatori presente all’interno del bar, per il mancato funzionamento dell’impianto di areazione e anche per la presenza all’interno della sala di un numero di persone oltre quello massimo consentito (tra cui anche minori).

 

CORRIERE DELLA SERA – FORUM NUTRIZIONE

giovedì 25 ottobre 2018

Zucchero

Buongiorno,

Non mi è chiaro come mai si dica che lo zucchero scateni la produzione di insulina e quindi il deposito di massa grassa. Ma una certa quantità di calorie proveniente da zucchero quindi fa ingrassare della stessa quantità di calorie provenienti da altri alimenti? Grazie molte

di Xxx

 

LA RISPOSTA A CURA DEL DOTT. ANDREA GHISELLI

No. Le calorie sono calorie, da qualsiasi alimento arrivino. Le proteine disperdono più energia di grassi e carboidrati, è vero, ma non è significativa questa differenza. Non è nemmeno vero che lo zucchero faccia alzare l’insulina più di pasta o pane, anzi è il contrario. Il fenomeno per il quale le calorie dello zucchero fanno ingrassare risiede nel fatto che fanno ingrassare come e altre ma sono inutili, mentre quelle di pane e pasta (o anche altri alimenti) sono utili. Nello zucchero c’è solo zucchero, mentre nella pasta (o nel pane) ci sono anche proteine, vitamine, fibra, sali minerali. Inoltre la pasta (o il pane) sono anche veicolo di altri alimenti importanti come olio, pomodoro, pesce, verdura ecc.

Quindi un popolo in perenne lotta con la bilancia deve per prima cosa rinunciare alle calorie vuote come quelle di zucchero e alcol, non perché facciano alzare l’insulina più di altri, non perché facciano ingrassare più di altri, ma perché sono calorie delle quali possiamo fare tranquillamente a meno.

Ovviamente se aumentassimo l’attività fisica creeremmo uno spazietto in più per le calorie vuote

 

SPUTNIKNEWS

A Kiev vietata la vendita di alcolici durante la notte

Valery Melnikov

Il consiglio comunale di Kiev ha vietato la vendita di bevande alcoliche nei negozi della capitale ucraina dalle 23 alle 10 del mattino successivo; la decisione non vale per ristoranti e bar ed i trasgressori saranno multati.

Lo ha riferito oggi l’ufficio stampa del consiglio comunale della capitale ucraina.

“Da Oggi entra in vigore la decisione di limitare la vendita di alcolici di notte, pertanto dalle 23 alle 10.00 i negozi e chioschi dovrebbero evitare la vendita di bevande alcoliche. Si tratta di vino, birra, superalcolici e bevande a bassa gradazione alcolica. La nuova norma non si estende a pub, bar e ristoranti”, — si legge nel comunicato pubblicato sul sito web del consiglio comunale.

 

ALTRA CRONACA ALCOLICA

 

LA NUOVA RIVIERA

Fermato dai carabinieri rifiuta l’etilometro. Denunciato venticinquenne

 

IL GIORNALE

Varese, polacco ubriaco sfonda porta di una casa e si addormenta

 

TREVISOTODAY

Fermato dalla polizia: guidava ubriaco, al telefono e senza patente

 

ISNEWS

In comunità, per scontare la condanna per guida in stato di ebbrezza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *