1 gennaio 2019 – Giovani, social e alcol

http://www.internationalwebpost.org/contents/Giovani,_social_e_alcol_ovvero_come_rovinarsi_la_reputazione_in_un_click_11317.html#.XCs2CvZFyCg

Giovani, social e alcol ovvero come rovinarsi la reputazione in un click

Ultima ora

Andrea Alessandrino

La ribellione giovanile passa sempre più sui social. Se la gioventù bruciata rincorreva il mito di James Dean, delle scorribande a bordo di bolidi fiammanti per far colpo sulle ragazze oggi dare senso alle proprie azioni significa alterare sé stessi in atteggiamenti fuori luogo, pericolosi, devianti. Sempre più ragazzi e adolescenti vanno quindi alla ricerca di un cosiddetto sballo finalizzato però poi a essere veicolato dai social per testimoniare alla platea di amici e conoscenti uno stato mentale e fisico disastroso.

Il fenomeno, noto come binge drinkers, riguarda una smodata assunzione di alcolici con l’unico obbiettivo di ottenere un’ubriacatura immediata e una conseguente perdita di controllo. Il binge drinkers è ormai considerato dalla comunità scientifica internazionale come un problema di salute che riguarda in particolar modo i giovani maschi alle prese con l’uscita dalla fase adolescenziale e per nulla consapevoli dei rischi sottesi a questo uso smodato del bere alcolici, come effetti nefasti sul sistema neurologico, cardiaco e gastrointestinale.

Negli Stati Uniti dove il problema è ormai diventata una vera e propria patologia giovanile, il termine binge drinkers è usato per indicare l’assunzione di cinque o più superalcolici in una volta sola in modo tale che l’effetto sia immediato e catastrofico. Sono adolescenti, studenti e ragazzi in genere che cercano un’alterazione del proprio stato psico-fisico per sfuggire al disagio o solo per sciogliere i freni inibitori nei rapporti con il prossimo.

Rispetto al passato il fenomeno non ha nessuna novità di rilievo se non per il fatto che questi bevitori usano contestualmente alle loro bravate i social per “pubblicizzare” i loro atti di cosiddetta ribellione. In un recente studio pubblicato sul Journal of Studies on Alcohol and Drugs si analizza il fenomeno del binge drinkers e lo si studia proprio in relazione ai social. Su 425 studenti monitorati dai ricercatori i ragazzi che si abbuffano d’alcol sono i più portati poi a utilizzare i social, riversandosi su Snapchat e Instagram in primis e, molto meno, su Facebook e Twitter. I problemi relativi al senso di baldoria immediata non sono solo legati all’immediato presente, ma anche al futuro di quelle che sono poi le reputazioni online dei ragazzi. Molti di essi, infatti, sono pronti per iscriversi presso qualche università americana o college britannico e al momento di presentare una candidatura le tracce lasciate in rete possono emergere e danneggiare le prospettive future.

Gli adolescenti senza freni inibitori, alterati mentalmente dopo aver abusato di alcolici, stravolti nelle loro fattezze fisiche e psichiche, postano senza sosta e senza alcun discernimento razionale e minimo buonsenso, contenuti, foto e immagini a dir poco sconvenienti e compromettenti con potenziali danni per la loro reputazione online. L’effetto infatti è che spesso non si venga poi accettati né da un’università né da un’azienda, pronte a operare un preventivo casting online per verificare le reali attitudini di un potenziale candidato. Rovinare tutto per soddisfare una semplice mania da protagonismo sui social è un peccato veniale che meriterebbe di essere evitato per far sì che non vengano disseminate tracce imbarazzanti di una serata finita in baldoria foriera di una cattiva riuscita poi nel campo professionale. Ma questo monito ai nativi digitali sembra non essere troppo preso sul serio, se poi si finisce nel credere alle sole apparenze di una vita perennemente online.

 

CONSEGUENZE DEL CONSUMO DI VINO, BIRRA ED ALTRI ALCOLICI

 

http://www.ilcorrierino.com/castellammare-troppo-alcol-ragazza-si-sente-male-in-villa-comunale-/9470.html

Castellammare, troppo alcol: ragazza si sente male in Villa comunale

di redazione

31-12-2018

Troppi brindisi in Villa comunale. Una ragazza si è sentita male oggi pomeriggio sul lungomare affollato da persone a passeggio per gli auguri di fine d’anno. La ragazza è stata colta da malore per avere bevuto troppo, testimoni hanno chiamato il 118. Arrivata l’ambulanza, la ragazza è stata portata al pronto soccorso in ospedale.

 

https://napoli.repubblica.it/cronaca/2018/12/31/news/picchiava_il_padre_per_la_droga_da_9_anni_arrestato-215554733/

Picchiava il padre per la droga da 9 anni, arrestato

I carabinieri sono intervenuti a San Pietro a Patierno

31 dicembre 2018

Per procurarsi i soldi della droga e dell’alcol estorceva soldi al padre da 9 anni: era finito in carcere nel 2009 ma poi aveva ripreso a minacciare il genitore.

L’ultimo episodio, a San Pietro a Patierno, a Napoli, ieri sera quando in casa erano presenti parenti arrivati per le feste: l’uomo, un 40enne, già noto alle forze dell’ordine – secondo la ricostruzione fornita dai carabinieri – è andato in escandescenze perché qualche parente lo avrebbe guardato in maniera strana.

Come spiegato dai militari, ha iniziato ad alzare la voce, ha malmenato il padre, distrutto mobili, oggetti vari e alcune porte a vetro tanto che sul pavimento c’era il sangue che ha perso ferendosi. A chiamare il 112 un cugino. Sono intervenuti in casa i carabinieri del nucleo radiomobile del reparto operativo che hanno arrestato il 40enne mentre picchiava il padre. La vittima ha riportato contusioni guaribili in 5 giorni. Il 40enne è stato arrestato per maltrattamenti in famiglia e lesioni.

 

https://www.fanpage.it/sassari-spray-urticante-alla-festa-dei-18enni-panico-totale-ragazza-soccorsa-in-ambulanza/

Sassari. Spray urticante alla festa dei 18enni: panico totale. Ragazza soccorsa in ambulanza         

Una festa privata tra giovanissimi è stata rovinata dalla sostanza urticante. Aria irrespirabile, centinaia di persone in fuga: si è rischiato il peggio, ma fortunatamente non ci sono feriti. Al momento non risulta presentata alcuna denuncia.

31 dicembre 2018

Di  Biagio Chiariello

Una festa di compleanno che ha rischiato di trasformarsi in dramma: qualcuno che spruzza uno spray urticante, poi il fuggi fuggi generale che ricorda, purtroppo, la tragedia di Corinaldo, in provincia di Ancona, a margine del concerto di Sfera Ebbasta.  A raccontare l’episodio è il quotidiano La Nuova Sardegna.

Circa 2.000 persone, per lo più 18enni, hanno preso parte all’evento tenutosi sabato 29 dicembre a Chilivani, frazione del Comune di Ozieri (provincia di Sassari), e organizzato dai giovani per festeggiare con amici e conoscenti il raggiungimento della maggiore età. Musica alta, luci, balli e alcol. Poi, all’improvviso, il panico. I deejay avrebbero più volte invitato tutti a uscire per colpa dell’aria diventata irrespirabile. Stando alle testimonianze, la festa è poi ripresa ma di lì a poco, intorno alle 5 del mattino, ma è stata nuovamente interrotta perchè qualcuno ha pensato bene di rispruzzare la sostanza urticante. E a quel punto la paura ha preso il sopravvento.  Tutti si sono ammassati verso le vie d’uscita, alcuni hanno tentato la fuga dalle finestre. Secondo quanto emerge, a irritare gli occhi e la gola dei presenti, rendendo difficile la respirazione ai presenti potrebbe essere stato anche in questo caso uno spray urticante al peperoncino spruzzato da qualcuno forse per scherzo. Per una ragazza presente alla festa si sarebbe reso necessario addirittura l’intervento di un’ambulanza. Non ci sarebbero comunque feriti gravi. Al momento non risulta presentata alcuna denuncia.

 

http://www.veratv.it/index.php/2018/12/31/ancona-con-una-bottiglia-rotta-minaccia-titolare-del-bar-arrestato-37enne/

Ancona – Con una bottiglia rotta minaccia titolare del bar, arrestato 37enne

31 dicembre 2018

In preda ai fumi dell’alcol ha chiesto altri drink e al rifiuto del titolare del bar, ha spaccato una bottiglia contro la porta e minacciato il gestore del locale di consegnargli l’incasso della giornata. E’ successo la scorsa notte in zona Palombella ad Ancona.

Alcuni clienti sono riusciti ad allontanarlo e l’uomo, un 37enne marocchino, in regola con le norme di soggiorno, è stato bloccato dagli agenti delle volanti di polizia, chiamati dal titolare, mentre tentava di danneggiare una Golf parcheggiata nei pressi del locale.

Il 37enne è stato arrestato per tentata rapina, resistenza a pubblico ufficiale e danneggiamento. Il Tribunale di Ancona ha convalidato l’arresto e rinviato il processo imponendo allo straniero la misura cautelare dell’obbligo di firma in Questura.

 

https://www.corriereromagna.it/news/home/32144/tenta-di-violentare-una-diciottenne-a-viserba-fermato-con-lo-spray-al-peperoncino.html

Tenta di violentare una diciottenne a Viserba, fermato con lo spray al peperoncino

Seminudo aggredisce e picchia la ragazza: intervengono i carabinieri. Lui in manette, lei all’ospedale

di ANDREA ROSSINI

Edicola digitale

Martedì 01 Gennaio

RIMINI. Aggredisce e tenta di violentare una cameriera di diciotto anni che torna a casa dopo il lavoro. In manette, con l’accusa di tentata violenza sessuale, lesioni personali, resistenza a pubblico ufficiale e danneggiamento, è finito un uomo di trentacinque anni (F.T. le sue iniziali), originario di Rimini, residente a San Mauro Pascoli.

È accaduto nella notte tra sabato e domenica 30 dicembre, attorno alle due. Lo sconosciuto, mezzo nudo e strafatto di droga, si è piazzato al centro della strada nella zona di via Paolo Marconi, a Viserba, dove transitava la ragazza alla guida della propria utilitaria.

Lei si ferma, per non investirlo, e lui, senza darle il tempo di reagire, prende a pugni la carrozzeria, infrange il parabrezza, apre lo sportello e la trascina fuori dell’abitacolo. Lui ignora le grida della giovanissima, la spinge a terra e comincia a spogliarla. Le toglie le scarpe, cerca di svestirla con la chiara intenzione di violentarla: le palpeggia, infatti, le parti intime e per vincere la sua strenua resistenza la picchia. Pugni in testa per cercare di zittirla, mani dappertutto. Le urla disperate, però, richiamano l’attenzione di qualcuno, alla finestra, che avverte i carabinieri.

Il trentacinquenne, al sopraggiungere dei militari del nucleo radiomobile della Compagnia di Rimini (ai comandi del capitano Sabato Landi), scappa. Durante la fuga danneggia a calci altre due vetture parcheggiate lungo la strada e poi si scaglia contro le divise che, nel frattempo, lo raggiungono. Per bloccarlo i militari fanno ricorso allo spray al peperoncino in loro dotazione.

Impossibile agire altrimenti: solo così si è potuta mettere la parola fine alla colluttazione. Subito dopo l’uomo, completamente fuori di sé, è stato accompagnato in ospedale per una sedazione prima di far ritorno in caserma: ha trascorso la notte in stato di semi-incoscienza per poi essere trasferito nel carcere riminese dei Casetti. Difeso dall’avvocato Luca Greco, il trentacinquenne comparirà mercoledì prossimo 2 gennaio davanti al giudice per l’udienza di convalida dell’arresto. In quell’occasione potrà fornire la propria versione dei fatti. Non è chiaro perché abbia agito in maniera così violenta: dai primi accertamenti i due non si conoscono, la diciottenne ha avuto solo sfortuna di imbattersi in una persona imbottita, presumibilmente, di sostanze stupefacenti, alcol o farmaci. La ragazza, dolorante e sotto choc, è stata soccorsa dal 118. Al pronto soccorso dell’ospedale le è stata riscontrata una distorsione cervicale (quattordici giorni di prognosi) oltre a ematomi ed escoriazioni alle braccia e alle gambe.

 

http://www.trnews.it/2018/12/31/in-preda-allalcol-contro-i-carabinieri-2-anni-alluomo-bloccato-con-spray-al-peperoncino/239726

In preda all’alcol contro i carabinieri: 2 anni all’uomo bloccato con spray al peperoncino

31 Dicembre 2018

LECCE – Ieri mattina si è scagliato contro l’auto dei carabinieri e contro gli operatori del 118 intervenuti per sedare una violenta lite in casa. Alla fine, Lucio Giannuzzi, 39 anni di Felline, è stato immobilizzato con lo spray al peperoncino e arrestato. Oggi, al margine del processo per  direttissima, ha patteggiato due anni di reclusione, oltre ad essersi beccato una multa di mille euro.

L’episodio nei pressi dell’abitazione dell’uomo dove quest’ultimo, in preda all’alcol, aveva litigato furiosamente con la convivente. All’arrivo dei carabinieri e dell’ambulanza Giannuzzi aveva iniziato a colpire sia il mezzo medico che l’auto di servizio dei militari, danneggiandola sul parabrezza e sul finestrino. A stopparlo l’impiego dello spray al peperoncino da parte dei militari.

 

IL LAVORO DELLE FORZE DELL’ORDINE

 

https://www.lameziainstrada.com/copertina/lamezia-controlli-straordinari-della-polizia-locale-ritirate-cinque-patenti-per-guida-in-stato-di-ebbrezza-e-sotto-leffetto-di-sostanze-psicotrope-denunce-e-sanzioni-amministrative

Lamezia, controlli straordinari della Polizia locale: ritirate cinque patenti per guida in stato di ebbrezza e sotto l’effetto di sostanze psicotrope. Denunce e sanzioni amministrative.

29 dicembre 2018

LAMEZIA TERME – Nell’ultima settimana dell’anno, la polizia locale lametina ha effettuato una serie di controlli sul territorio, che hanno consentito al nucleo di polizia edilizia di individuare e sanzionare due abusi edilizi perpetrati rispettivamente nei quartieri di Sambiase e Nicastro.

Due infatti le persone denunciate per lavori edili abusivi. Uno di essi è stato deferito anche per occupazione abusiva del suolo pubblico in quanto il manufatto realizzato in spregio alle normative edilizie vigenti insisteva su area di pertinenza dell’Aterp.

Sul fronte delle attività finalizzate alla sicurezza stradale, oltre ai routinari controlli, sono stati implementati servizi con Autoscan e straordinari notturni.

Quest’ultimi, svolti nella nottata di ieri, e coordinati sul posto dal dirigente, hanno consentito di controllare con precursori etilometrici, etilometri e drug-test circa 70 persone. Quattro soggetti sono stati sorpresi alla guida in stato di ebbrezza alcolica; per tre di essi, attesi i livelli di concentrazione di alcol superiore a 0,80 g/l, è scattata la denuncia all’autorità giudiziaria. Mentre un quarto conducente è stato sanzionato amministrativamente.

Decurtazione da record per un neopatentato, deferito all’a.g., con tasso alcolemico superiore a 1,40 g/l. Ben venti punti e patente azzerata. Oltre che ritirata.

Proprio alle prime luci dell’alba, infine, veniva intercettato un giovane del luogo, che fermato alla guida del proprio veicolo, dimostrava evidenti segni di intossicazione da sostanze psicotrope. Sottoposto ad esame con precursore salivare in dotazione, risultava positivo alla cannabis, e veniva avviato presso il locale nosocomio per le controanalisi sui liquidi biologici, previo ritiro cautelare del documento di guida.

I servizi con Autoscan hanno consentito di elevare numerose sanzioni circolazione di veicoli senza la prescritta revisione obbligatoria.

 

http://www.abruzzoweb.it/contenuti/avezzano-ritirate-19-patenti-per-guida-in-stato-di-ebbrezza/675854-4/

Avezzano: ritirate 19 patenti per guida in stato di ebrezza

29 dicembre 2018 alle ore 11:25

Ritirate 19 patenti di guida, di cui 16 per guida in stato di ebbrezza alcolica, sequestrate  2 autovetture  per mancanza della copertura assicurativa e contestate 56 violazioni amministrative per  infrazione al Codice della Strada.

E’ questo il bilancio dell’attività di controllo messa in campo dalla  Polizia Stradale di Avezzano

sabato 23 e domenica 24 e nelle serate di giovedì 27 e venerdì 28 dicembre, che ha impegnato un consistente numero di pattuglie nell’area  di Avezzano.

In particolare Nel corso dell’attività sono state denunciate, all’Autorità Giudiziaria, 16 persone sorprese alla guida in stato di ebbrezza alcolica, di cui 2 ragazzi trovati anche sotto l’influenza di sostanze stupefacenti, e decurtati 230 punti. Inoltre, è stato rintracciato e denunciato a piede libero, per omissione di soccorso e fuga, un giovane 28enne  che dopo aver provocato un incidente stradale  si è dato alla fuga.

“L’attività di vigilanza stradale quotidiana  – si legge nella nota della Polizia Stradale- per il raggiungimento degli obbiettivi volti alla riduzione dell’incidentalità dovuti non solo all’abuso di alcol e stupefacenti alla guida, proseguirà anche  nei prossime festività,  con l’obiettivo  di prevenire  e reprimere anche  condotte di guida  pericolose  che spesso determinano incidenti  stradali con esiti  spesso tragici”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *