9 febbraio 2019 – Una vita libera da alcol e droghe

DAL MONDO DEI CAT HUDOLIN

 

https://www.ilgiunco.net/2019/02/09/una-vita-libera-da-droghe-e-alcol-se-ne-discute-in-citta-al-forum-delle-famiglie/?fbclid=IwAR0ohlQ6wAtVzus_wXlZWGexkp0rpgPMzGg0jBKiGYMRKFUqL_i-sSegTIA#.XF6hTNiRYGA.facebook

Una vita libera da droghe e alcol: se ne discute in città al “Forum delle famiglie”

di Redazione – 09 febbraio 2019 – 10:44

GROSSETO – Martedi’ 12 febbraio alle 16 le Acat (associazioni club alcologici territoriali) Grosseto nord, Grosseto green e Follonica, organizzano nel salone della parrocchia Santa Teresa di Calcutta il “Forum delle famiglie” sull’educazione alcologica continua.

«Le finalità di questo incontro – spiegano le Acat – sono atte a sensibilizzare le famiglie e la comunità a mettere in discussione convinzioni e comportamenti degli stili di vita non salutari (bevande alcoliche, fumo, azzardo, sedentarietà, disagio psichico, droghe, cattiva alimentazione e tecnologie elettroniche, sia personali che familiari. Il forum serve a progettare le attività formative dei club insieme alle altre associazioni e servizi socio sanitari che siedono al tavolo del c.a.t.f. (centro alcologico territoriale funzionale) di Grosseto, per incrementare la rete territoriale dei club e per dare più strumenti formativi».

«Verrà eletto un nuovo coordinamento – concludono gli organizzatori – utile per dare maggiore impulso nella continuità dei progetti di sviluppo, con l’intento di salvaguardare e non disperdere il lavoro fatto secondo la metodologia del prof. Hudolin.
La serata si concluderà con un rinfresco offerto dalle famiglie dell’associazione. L’incontro è completamente gratuito e aperto a tutta la comunità».

 

CONSEGUENZE DEL CONSUMO DI VINO, BIRRA ED ALTRI ALCOLICI

 

https://tuttoggi.info/nel-2018-aumentati-a-foligno-gli-incidenti-stradali-labuso-di-alcol-sempre-la-prima-causa/499849/

Nel 2018 aumentati a Foligno gli incidenti stradali | L’abuso di alcol sempre la prima causa

Bilancio operativo dei Vigili Urbani, che recentemente hanno di nuovo stretti i controlli sui parcheggiatori abusivi all’ospedale

Redazione – 09 Febbraio 2019

Nei giorni scorsi un settantenne folignate ha perso il controllo dell’auto, nella zona di Sant’Eraclio, andando a sbattere contro il muro laterale della carreggiata. Gli agenti della polizia municipale di Foligno hanno sottoposto l’uomo all’alcoltest dal quale è emerso che era stato superato quattro volte il limite consentito. Il conducente è stato accompagnato alla sua abitazione e denunciato per guida in stato di ebbrezza. Ritirata la patente e posta sotto sequestro l’autovettura.

E’ uno dei più recenti interventi condotti dal comando di polizia municipale di Foligno. Con l’occasione il comandante Marco Baffa ha reso noto alcuni dati relativi alle attività svolte nel 2018.

Nell’anno trascorso i controlli a contrasto del fenomeno della guida in stato di ebbrezza, con utilizzo dell’etilometro, hanno interessato 356 conducenti, con 47 patenti ritirate e sospese, 26 veicoli sequestrati e 2.130 i punti decurtati dalle patenti di guida dei soggetti denunciati o sanzionati (55 conducenti) in quanto colti alla guida con limiti di alcol superiori alla soglia di legge.

Sempre nel 2018 rilevante l’attività di controllo nell’ambito della cosiddetta movida con 86 controlli mirati durante il periodo estivo fino a ottobre, 14 le sanzioni contestate per irregolarità delle occupazioni degli esercizi pubblici e 121 i soggetti controllati. Sono stati 437 i veicoli controllati per quanto riguarda l’osservanza dell’ordinanza antismog con 29 sanzioni accertate e contestate. Nell’ambito delle verifiche relative al testo unico sull’immigrazione sono stati effettuati 26 interventi mirati di identificazione con 4 soggetti fotosegnalati in quanto risultati non regolari sul territorio nazionale, 8 i veicoli sottoposti a sequestro penale e 1 minore extracomunitario affidato ad una struttura.

Nel 2018 gli incidenti stradali a Foligno sono aumentati. Sono stati 192 (+26 rispetto al 2017 quando erano stati 166. Erano stati 155 nel 2016, 173 nel 2015, 143 nel 2014). Nel 2018 i mesi con più incidenti sono stati luglio (21), agosto (25) e ottobre (27). La zona più interessata dagli incidenti è Viale Firenze (22) e la fascia oraria più a rischio è tra le 16 e 19 (62).

Nei giorni scorsi, nell’ambito di controlli mirati a contrastare il fenomeno dei parcheggiatori abusivi nella zona dell’ospedale, gli agenti della polizia municipale di Foligno hanno fermato e identificato 3 persone. Dopo il controllo dei documenti, oltre ad essere sanzionati, il personale procedeva al sequestro delle somme di denaro che potevano essere riconducibili all’attività illecita, misura adottata per arginare il fenomeno.

 

https://www.varesenews.it/2019/02/guidava-alcol-corpo-ritirata-la-patente/792640/

Guidava con troppo alcol in corpo, ritirata la patente

di Redazione

redazione@varesenews.it

Pubblicato il 09 febbraio 2019

Il trentenne viaggiava in viale Milano

È stato un venerdì notte pesante quello appena trascorso da un operaio di trent’anni che, fermato in viale Milano a Varese, è risultato positivo all’alcol test. Guidava la sua macchina con un tasso superiore allo 0,8 grammi per litro. I carabinieri del nucleo operativo e radiomobile, constatando l’evidente stato di alterazione psicofisica del trentenne, non hanno potuto far altro che ritirargli la patente e deferirlo  in stato di libertà alla procura della repubblica di Varese.

 

https://www.quinewscuoio.it/castelfranco-di-sotto-in-preda-allalcol-si-scaglia-contro-i-carabinieri.htm

In preda all’alcol si scaglia contro i carabinieri

sabato 09 febbraio 2019

Aveva un coltello e un militare, per disarmarlo, è rimasto lievemente ferito. E’ accaduto ieri in una cantina arbitrariamente occupata dall’uomo

CASTELFRANCO DI SOTTO — Mattinata movimentata, quella di ieri in via Mazzini, dove i carabinieri sono intervenuti per liberare la cantina di un condomino, arbitrariamente occupata da un senegalese di 45 anni.

L’uomo, sorpreso dai militari in evidente stato di ubriachezza tale che già aveva arrecato disturbo e allarme tra residenti dello stabile, alla vista dei carabinieri ha puntato contro di loro un grosso coltello.

I carabinieri sono riusciti a bloccarlo e disarmarlo ma nell’operazione un militare è rimasto lievemente ferito alla mano destra.

Posto agli arresti, l’uomo è stato prima accompagnato all’ospedale di Empoli, dove è stato curato per uno stato di agitazione conseguente ad intossicazione da alcol etilico e cannabinoidi. Presto dimesso, è stato trasferito alla casa circondariale Don Bosco di Pisa, a disposizione dell’autorità giudiziaria. In tribunale dovrà rispondere dei reati di esistenza aggravata e lesioni a pubblico ufficiale.

 

https://www.corriereromagna.it/news/rimini/33292/accoltellamento-nella-notte-a-riccione-gravi-due-giovani-all-ospedale.html

Accoltellamento nella notte a Riccione, gravi due 23enni. Si cercano quattro nomadi italiani

Lite innescata da futili motivi e dall’alcol in un locale. Indagini dei carabinieri impegnati nelle ricerche con 100 uomini

di REDAZIONE WEB

09/02/2019

RICCIONE. Accoltellamento nella notte a Riccione, feriti in modo grave due 23enni di Gradara. Sulla vicenda indagano i carabinieri che hanno disposto posti di blocco e avviato un’imponente caccia all’uomo con oltre cento militari impegnati sulle tracce degli aggressori; stando a quanto trapelato finora, le prime ricerche si concentrerebbero su un gruppo di quattro nomadi italiani ubriachi residenti al campo rom di Coriano. Al momento gli inquirenti stanno sentendo diverse persone che sono state accompagnate in caserma.

Secondo quanto ricostruito al momento dai militari, intervenuti nel locale “La Mulata” di via Torino, l’aggressione sarebbe scaturita in seguito a una lite per futili motivi. I ragazzi sarebbero stati colpiti più volte con un coltello a serramanico. Soccorsi dal 118, sono stati portati all’ospedale di Rimini e sottoposti a intervento chirurgico; dai primi accertamenti clinici le loro condizioni sarebbero stazionarie ma i medici si sono riservati la prognosi. Uno dei feriti, raggiunto da più fendenti, sarebbe in pericolo di vita.

 

https://www.ilgiorno.it/varese/cronaca/gallarate-pronto-soccorso-1.4433545

Gallarate, un Pronto soccorso che fa paura

I sindacati chiedono interventi dopo gli episodi di violenza

Gallarate, 9 febbraio 2019 – Situazione preoccupante al Pronto soccorso dell’ospedale di Gallarate: mercoledì e giovedì due episodi di violenza, poche settimane dopo quello accaduto nel mese di gennaio, quando il presidio fu devastato dai familiari di un trentenne che si era suicidato. Un italiano, già noto alle forze dell’ordine, con problemi di alcol e droga, prima ha dato in escandescenze prendendo a calci e pugni le vetrate, poi ha colpito il bancone con una spranga in ferro. Entrambi gli “assalti” hanno riportato l’attenzione sulla necessità di garantire maggiore sicurezza agli operatori sanitari.

«I casi di intolleranza, di rabbia e violenza sono in aumento – dice Anna Muggianu (della segreteria provinciale della Fp–Cgil Varese) – la situazione dei presidi di Pronto soccorso cone quello gallaratese sono purtroppo croniche. I problemi si possono risolvere assumendo personale, medico e infermieristico». Con organici carenti, continua l’esponente sindacale, «le attese si allungano e purtroppo può accadere che qualcuno mentre aspetta la visita perda il controllo, con reazioni anche violente, che non sono comunque giustificabili. Il carico di lavoro è pesante, a Gallarate ci sono medici e infermieri che sono impiegati in un numero maggiore di ore rispetto a quanto previsto, non fanno riposi, non smaltiscono ferie. Questo per garantire il servizio”. Un anno fa, ricorda Anna Muggianu, «come Cgil, Cisl e Uil incontrammo il prefetto a Varese proprio sui casi di violenza nei pronto soccorsi, sul tavolo erano state messe soluzioni, come l’istituzione di presidi di Polizia, ma non si è arrivati a dare concretezza mentre sarebbe un intervento da effettuare al più presto proprio per la sicurezza di chi arriva al pronto soccorso e di chi opera nel presidio. Da parte del sindacato tutta la solidarietà agli operatori che lavorano in condizioni difficili».

Il personale, dopo gli ultimi due episodi, continua Muggianu, «ha paura, non si sente sicuro. Come detto la soluzione è colmare le carenze nell’organico, intervento indispensabile per ridurre i tempi di attesa da parte dei pazienti. Purtroppo assumere non è facile, in quanto ci si trova ancora condizionati fino al 2020 dalla norma del 2004 riguardante i tagli dei costi del personale, inoltre per quanto riguarda i medici ci sono difficoltà a reperire specializzati per l’emergenza». Il prossimo passo che il sindacato è pronto a compiere è la richiesta di un incontro con il nuovo direttore generale dell’Asst Valle Olona Eugenio Porfido proprio per valutare le situazioni dei punti di pronto soccorso. Da giovedì sera hanno cominciato il loro servizio a Gallarate i City Angels, grazie alla convenzione sottoscritta con l’ASST Valle Olona. «Siamo stati accolti bene dal personale – dice Andrea Menegotto, coordinatore del gruppo varesino – Con noi si sono sentiti un po’ più sicuri». I City Angels saranno presenti due sere alla settimana.

 

https://www.quotidianodelsud.it/calabria/cronache/cronaca/2019/02/09/medico-servizio-guardia-medica-scoperto-ubriaco-borsa-medicine

Medico in servizio alla guardia medica scoperto ubriaco

Nella borsa tra le medicine aveva una bottiglia di grappa

Calabria

Sab, 09/02/2019 –

BOTRICELLO (CATANZARO) – Avrebbe dovuto assolvere alla funzione di assistenza e soccorso in caso di emergenza ma alla fine a ricevere le cure del 118 è stato proprio lui perché scoperto in evidente stato di ebbrezza.

Si tratta del medico della Guardia Medica di Botricello che è stato soccorso dai sanitari del 118 perché completamente ubriaco.

I fatti. L’intervento del 118 è stato richiesto dai carabinieri che hanno riscontrato un tasso alcolemico molto elevato per il medico in servizio notturno. La denuncia è, invece, partita da un paziente che si era rivolto al medico di turno per alcune cure – secondo quanto appreso dall’Agi – che notando lo stato del medico ha segnalato le anomalie.

Il medico che lo aveva appena visitato era parso “alticcio” e, per questo, il paziente ha chiesto una verifica ai militari dell’Arma della locale Stazione. Quando i militari hanno bussato alla porta della guardia medica hanno trovato il professionista in evidente stato di alterazione psico fisica e hanno chiesto l’intervento del personale del 118 che ha trattato il collega per l’eccessiva assunzione di alcol. Nella borsa del medico, tra medicine e il necessario per le visite, c’era anche una bottiglia di grappa barricata semivuota.

Il medico è stato quindi denunciato per interruzione di pubblico servizio, dal momento che la guardia medica è stata chiusa e il servizio dirottato nelle altre strutture sanitarie attive nel comprensorio.

 

https://www.gonews.it/2019/02/09/ubriaco-minaccia-carabinieri-un-coltello-arrestato/

Ubriaco minaccia i carabinieri con un coltello, arrestato

09 febbraio 2019

Castelfranco di Sotto. Nella tarda mattinata di ieri, a Castelfranco di Sotto, i Carabinieri della locale Stazione hanno arrestato per resistenza aggravata e lesioni a pubblico ufficiale un 45enne senegalese. I militari operanti sono intervenuti in un condomino di via Mazzini, dove l’extracomunitario occupava arbitrariamente una cantina, sorprendendolo in evidente stato di ubriachezza tale da creare disturbo e allarme ai residenti dello stabile. Alla vista dei Carabinieri l’uomo ha afferrato un grosso coltello brandendolo al loro indirizzo, venendo prontamente bloccato. Nella circostanza uno dei due militari, nel tentativo di disarmarlo, è rimasto lievemente ferito alla mano destra. L’uomo, bloccato e tratto in arresto, è stato trasportato presso l’Ospedale di Empoli, dove è stato curato per uno stato di agitazione conseguente ad intossicazione da alcol etilico e cannabinoidi e successivamente dimesso. Dopo le formalità di rito, è stato tradotto presso la Casa Circondariale di Pisa, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

 

IL LAVORO DELLE FORZE DELL’ORDINE

 

http://www.palermotoday.it/cronaca/multe-patenti-ritirate-controlli-alcol-etilometro-9-febbraio-2019.html

Posti di blocco contro le “stragi del sabato sera”: 11 patenti ritirate, 2 mezzi sequestrati

Questo il bilancio dei controlli eseguiti dai carabinieri. Sei giovani sono stati sorpresi alla guida con un tasso alcolemico superiore agli 0,8 grammi per litro, mentre un altro si trovava in sella al suo ciclomotore ma non aveva la patente

Redazione

09 febbraio 2019 12:40

Undici patenti ritirate e due mezzi sequestrati perché privi di copertura assicurativa. E’ questo il bilancio dei controlli iniziati ieri dai carabinieri che, fino a domenica sera, proseguiranno con un servizio finalizzato al contrasto del fenomeno delle cosiddette stragi del sabato sera.

Durante i controlli i militari hanno fermato scooter, auto e motociclette. “I conducenti – spiegano dal Comando provinciale – sono stati sottoposti a etilometro e cinque di questi, di età compresa tra i 25 e i 30 anni, sono stati denunciati per guida in stato di ebbrezza”.

Per loro il tasso alcolemico è risultato superiore agli 0,8 grammi per litro. Sanzionati in via amministrativa i conducenti di sei mezzi sorpresi alla guida con un tasso compresso tra 0,5 e 0,8. A questi si aggiunge un trentenne fermato a bordo di uno scooter ma sprovvisto di patente.

 

https://www.ilgiorno.it/sesto/cronaca/bresso-incidente-notturno-centauro-ubriaco-1.4432553

Bresso, incidente notturno: centauro accusato di guida in stato d’ebbrezza

L’uomo si è rifiutato di sottoporsi al test alcolemico proposto dai carabinieri

di ROSARIO PALAZZOLO

Bresso (Milano), 8 febbraio 2019 – E’ rimasto coinvolto in un incidente, ma all’arrivo dei carabinieri si è rifiutato di sottoporsi all’alcoltest. Un bressese, già noto alle forze dell’ordine, è stato denunciato la notte scorsa per l’accusa di guida in stato di ebbrezza. Poco dopo la mezzanotte, lungo la via Marconi di Bresso, l’uomo era alla guida di uno scooter Suzuki con il quale si è scontrato contro una Toyota “Yaris” guidata da una donna di 48 anni.

I militari sono stati chiamati per rilevare l’incidente, ma il motociclista si è comportato subito in modo scontroso e si è rifiutato di sottoporsi al test. In questo caso scatta l’immediata denuncia per guida in stato di ebbrezza. Il mezzo gli è stato posto sotto sequestro insieme alla patente. Spetterà ora ai militari stabilire l’esatta causa dello scontro con la vettura e le eventuali responsabilità.

 

http://canicatti.agrigentonotizie.it/canicatti-incidente-denunce-ubriachi-feriti-polizia-febbraio-2019.html

Provoca un incidente, minaccia i feriti e scappa: denunciato un 50enne

L’uomo è risultato essere ubriaco. Nei guai, per altri fatti, anche una giovane ventenne che prima d’essere fermata dai poliziotti aveva investito un veicolo

Redazione

08 febbraio 2019 15:05

Ubriachi. Ubriachi che si schiantano contro delle auto in sosta o che, addirittura, provocano ben più gravi incidenti stradali. Due le persone che, negli ultimissimi giorni, i poliziotti del commissariato hanno denunciato alla Procura della Repubblica di Agrigento.

I poliziotti, nei giorni scorsi, sono intervenuti nella zona del cimitero per un grave incidente, con feriti, fra due veicoli. Gli agenti hanno trovavano solo i passeggeri di uno dei due mezzi, molto malconci, che hanno raccontato quanto gli era accaduto. Un uomo, dopo aver perso il controllo del mezzo, verosimilmente perché alticcio, si è scontrato frontalmente con l’auto, con a bordo i due coniugi, che proveniva dall’opposto senso di marcia. Il cinquantenne di Canicattì ha, dunque, abbandonato l’auto e prima di fuggire a piedi – infischiandosene dei due feriti – li minacciava affinché non chiamassero le forze dell’ordine. I poliziotti, dopo aver facilitato i soccorsi dei due feriti, sono riusciti a rintracciare il cinquantenne che è tato denunciato alla Procura. Dovrà rispondere di omissione di soccorso, fuga in caso di incidente con feriti, rifiuto dell’accertamento dello stato di ebbrezza, rifiuto dell’accertamento dell’uso di sostanze stupefacenti, lesioni personali colpose, oltraggio a pubblico ufficiale ed infine minacce.

Il cinquantenne, alla vista dei poliziotti, avrebbe inveito e ingiuriato gli agenti, minacciando di aggredirli. Un comportamento che continuava anche in commissariato dove è stato contravvenzionato perché l’autovettura non aveva l’indispensabile copertura assicurativa. Le parti offese, controllate all’ospedale Barone Lombardo, hanno riportate lesioni guaribili in 3 e 15 giorni.

Ad essere denunciata è stata anche – per un diverso episodio – una ventenne di Caltanissetta. La giovane è stata fermata da una volante del commissariato perché sorpresa mentre, alla guida di una auto, stava percorrendo a forte velocità una strada del centro cittadino di Canicattì. Gli agenti, invertendo il senso di marcia, riuscivano a raggiungere l’auto e fermarla in sicurezza prima che potesse investire cose o persone. La ragazza era in evidente stato di ebbrezza alcoolica e in stato confusionale tanto che è stata portata in ambulanza in ospedale. I poliziotti hanno accertato che la ragazza, poco prima di essere fermata, aveva urtato un’altra autovettura anch’essa in marcia e si era allontanata senza fermarsi. Oltre alle numerose contravvenzioni per il mancato rispetto del codice della strada, la ragazza è stata segnalata alla Procura della Repubblica di Agrigento per guida in stato di ebbrezza alcoolica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *