Conferenza stampa alla Camera del 26 marzo 2019 su pesticidi e inceneritori in Veneto

Il Coordinamento ColtiviAMOfuturo ha indetto per il 26 marzo 2019 una Conferenza Stampa sull’inquinamento ambientale nel Nord-Est a cui è stato invitato anche il dirigente di European Consumers Pietro Massimiliano Bianco insieme a Patrizia Gentilini  (Presidente ISDE Italia), Andrea Lovisetto e Mauro Moretto  (Coordinamento ColtiviAMOfuturo), Alberto Ferraresi e Mario Nicastro (Coordinatori del Comitato dei Promotori del referendum “Conegliano senza pesticidi”), Renato Bottiglia (Coordinatore del gruppo Facebook No Pesticidi).

Comunicato stampa_Camera_pesticidi_26_marzo

All’incontro hanno partecipato i deputati Sara Cunial (m5S) e Paola Nugnes (M5S) e il senatore Saverio De Bonis (M5S). L’incontro è stato moderato da Manlio Masucci, rappresentante in Italia di Navdanya International.

Nel corso dell’incontro sono stati presentate in modo rapido ma esaustivo le principali problematiche di un territorio in cui la supremazia dell’economia sull’ecologia ha prodotto devastazioni ambientali e gravi impatti anche sulla salute umana. In particolare è stato posto l’accento sulla duplice esposizione a pesticidi e contaminazioni di origine industriale.

Gli esponenti del Coordinamento Coltiviamo il futuro hanno presentato nel dettaglio la grave situazione del territorio, inquinato da pesticidi e emissioni di inceneritori e altri impianti industriali e presentato una petizione di 6700 cittadini che intendono veder rispettato il Diritto Costituzionale alla Salute. Sono state anche segnalati gravi casi di distruzione di territori forestali. Hanno inoltre posto l’accento sul consumo di suolo naturale, che deve essere immediatamente bloccato e dovutamente considerato in sede statistica come grave detrattore.

Le firme della petizione saranno consegnate al Governatore del Veneto Zaia.

La Dr.ssa Patrizia Gentilini ha posto l’attenzione sulla gravità delle sinergie tra sostanze di diversa origine e della moltitudine di studi che dimostrano inequivocabilmente il rischio per la salute collettiva rappresentato da pesticidi e contaminanti industriali.

Pietro Massimiliano Bianco, responsabile del Comitato Scientifico di European Consumers ha rapidamente presentato i risultati delle ricerche prodotte da European Consumers, PAN-Italia e ISDE e pubblicate su nostro sito

http://www.europeanconsumers.it/2018/07/12/pubblicata-la-ricerca-european-consumers-pan-italia-analisi-ecologica-del-protocollo-docg-prosecco-2018/

I tre politici presenti Sara Cunial, Paola Nugnes e il senatore Saverio De Bonis hanno garantito il loro impegno in sede di Commissioni per appoggiare le richieste degli abitanti relative ad efficaci azioni per favorire agricoltura e attività industriali sostenibili.

 

Era presente anche il nostro Presidente Marco Tiberti che ha preso importanti contatti con gli esponenti delle associazioni presenti, per poter meglio coordinare le attività vista l’assoluta comunanza di intenti sia per quanto riguarda la questione pesticidi che le problematiche all’inquinamento di origine industriale con particolare riferimento a inceneritori e impianti a biomasse.

Si attende nel frattempo il nuovo Piano Nazionale per l’Uso sostenibile dei Pesticidi i cui contenuti mostreranno i reali intenti relativi alla diffusione dell’agricoltura sostenibile e della protezione ambientale in territori largamente sacrificati al profitto .

Ricordiamo che la nostra associazione è stata fino ad adesso piuttosto critica rispetto alle posizioni governative che ha continuato la criminale politica delle deroghe per sostanze tossiche e nocive, sia nei fanghi per uso agricolo, che per quanto riguarda l’immissione nel mercato di pesticidi gravemente tossici alla salute umana e all’ambiente. ma terremo presenti gli impegni presi dai tre esponenti.

Per visionare la conferenza stampa del 26 marzo 2019:

https://webtv.camera.it/evento/14075

Per consultare l’intervento del dr. Pietro Massimiliano Bianco:

Ecologia e Vino

Per approfondire la questione Prosecco:

La banca dati del prosecco

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *