Felicitazioni da parte di European Consumers per il nuovo e prestigioso incarico del colonnello Alessandro Bottacci, amico delle foreste

La nostra Associazione è molto lieta di apprendere che con decreto 239 del 13 agosto il Ministro dell’Ambiente ha nominato il colonnello Alessandro Bottacci direttore del Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi, monte Falterona e Campigna.

Il Colonnello ha un curriculum di tutto rispetto nel campo delle scienze forestali e si è sempre impegnato per la protezione delle foreste vetuste, per il recupero strutturale delle foreste e contro qualsiasi forma di degrado del territorio.

Laureato in Scienze forestali all’Università di Firenze nel 1984, con una tesi sulla moria dell’abete bianco a Vallombrosa, è accademico ordinario e socio corrispondente dell’Accademia Italiana di Scienze Forestali.

Capo dell’Ufficio territoriale per la Biodiversità del Corpo Forestale dello Stato di Pratovecchio dal 2004 al 2012, oggi Reparto Carabinieri Biodiversità[1], conosce bene il territorio in quanto è stato responsabile della gestione tecnico-scientifica delle riserve naturali biogenetiche Casentinesi (Badia Prataglia-Lama, Campigna, Camadoli e Scodella) e della riserva integrale di Sasso Fratino[2] (prima riserva integrale italiana e prima area naturale italiana insignita del diploma europeo delle aree protette).

Tra il 2012 e il 2016 è stato responsabile dell’Ufficio centrale per la Biodiversità[3] per l’indirizzo e il coordinamento delle attività gestionali di tutela dei 28 uffici territoriali per Biodiversità nazionali ed ha indirizzato e diretto le attività tecnico scientifiche dei tre centri nazionali per lo Studio e la Conservazione della biodiversità forestale e degli Uffici territoriali per la Biodiversità in materia di educazione ambientale.

Ha partecipato alla gestione di progetti nazionali e comunitari di ricerca scientifica, tra cui numerosi Progetti LIFE, il coordinamento dei Centri di recupero della Fauna selvatica[4] e di accoglienza degli animali sequestrati secondo la Convenzione di Washington (CITES)[5].

Gli è stata conferita la lode dal capo del Corpo forestale dello Stato per “l’impegno professionale, che va oltre il doveroso espletamento dei compiti istituzionali, dimostrato in occasione dell’evento sismico in Abruzzo, conseguendo apprezzabili risultati in un contesto operativo di emergenza a regime”. È ufficiale dell’Ordine al merito della Repubblica Italiana, commendatore dell’Ordine al merito della Repubblica Italiana e cavaliere dell’Ordine al merito della Repubblica italiana.

Ha affermato “Faccio parte di quei forestali che non hanno paura del cosiddetto abbandono delle foreste. Le foreste hanno dei meccanismi di sviluppo che sono agevolati dalla mancanza di intervento dell’uomo”.

Il colonnello Alessandro Bottacci è tra i firmatari, insieme a più di 200 professori universitari di botanica e zoologia, dell’Appello tecnico-scientifico[6] in cui si esprime sconcerto e preoccupazione per lo “Schema di decreto legislativo recante disposizioni concernenti la revisione e l’armonizzazione della normativa nazionale in materia di foreste e filiere forestali in attuazione dell’articolo 5 della legge 28 luglio 2016, n. 154”.

In perfetta sintonia con quanto espresso ripetutamente dalla nostra Associazione[7] insieme ad insigni professori tra i quali ricordiamo Bartolomeo Schirone, anche egli come Bottacci dirigente di GUFI (Gruppo Unitario per le Foreste Italiane)[8] e firmatario dell’Appello. European Consumers è partner di GUFI e in sinergia abbiamo ripetutamente attaccato il nefasto Testo Unico Forestale[9] e le sue orribili conseguenze.

 

[1] https://www.carabinieri.it/arma/oggi/organizzazione/organizzazione-per-la-tutela-forestale-ambientale-e-agroalimentare/utcb-e-le-130-riserve-naturali

[2] https://www.carabinieri.it/editoria/natura/la-rivista/home/tematiche/ambiente/la-riserva-naturale-integrale-di-sasso-fratino

[3] https://www.carabinieri.it/arma/oggi/organizzazione/organizzazione-per-la-tutela-forestale-ambientale-e-agroalimentare/utcb-e-le-130-riserve-naturali

[4] https://www.komitee.de/it/uccelli-giardino/centri-di-recupero-fauna-selvatica-italia

[5] Sulla base di una apposita convenzione tra CFS e Ministero dell’Ambiente, da lui firmata previo incarico del Capo del CFS.

[6] http://www.salviamoilpaesaggio.it/blog/2018/02/legge-forestale-la-rivolta-degli-scienziati/

[7] http://www.europeanconsumers.it/tag/foreste/

[8] https://www.facebook.com/gufitalia/

[9] https://www.freedompress.it/assalto-al-patrimonio-forestale-nazionale-la-lettera-critica-di-european-consumers-e-gruppi-ricerca-ecologica-ai-vertici-istituzionali/; http://www.europeanconsumers.it/2018/11/08/freedompress-it-decreto-foreste-european-consumers-contro-il-nuovo-governo-incurante-del-danno-ambientale/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *