Giuseppe De Donno: non sarà l’ennesimo suicidio-omicidio?

Giuseppe De Donno: non sarà l’ennesimo suicidio-omicidio?

La Procura di Mantova ha aperto un’inchiesta sulla morte del professor Giuseppe De Donno, ex primario di pneumologia dell’ospedale “Carlo Poma” e padre della terapia anti Covid con il plasma iperimmune che aveva cercato inutilmente di far prendere in considerazione alla Commissione Igiene e Sanità del Senato già nel maggio 2020[1]. L’ipotesi di reato è quella di omicidio colposo[2].

De Donno aveva 54 anni e si era dimesso dall’ospedale di Mantova ai primi giorni di giugno per cominciare, lo scorso 5 luglio, la nuova professione di medico di base a Porto Mantovano. Era diventato primario facente funzione delle Pneumologia del Carlo Poma nel settembre del 2018 e poi nel dicembre dello stesso anno aveva vinto il concorso da primario effettivo[3].

De Donno, assieme a Massimo Franchini, primario della Immunoematologia e Trasfusionale del Carlo Poma, ha trattato i pazienti affetti da Covid in condizioni gravi al Poma con la terapia del plasma iperimmune fin dall’inizio dell’epidemia, nonostante dichiarate intimidazioni[4]. In poco tempo diventò il primario più conosciuto d’Italia e apparve spesso sui giornali e trasmissioni televisive[5] per poi imporsi una specie di silenzio stampa spiegando che “la pressione mediatica e popolare sul mio operato è stata tale da non permettermi di operare serenamente, soprattutto nell’ambito della sperimentazione del protocollo implementato insieme ai del San Matteo di Pavia”[6].

Riuscì, tra le difficoltà ad avviare una sperimentazione del suo metodo con l’università di Pavia, tuttavia la medicina ufficiale non ha mai voluto ritenere che la sua fosse una cura indicata per il Covid, anche se molti pazienti sono guariti.

È  stato trovato morto nel tardo pomeriggio del 27 luglio e si sarebbe suicidato impiccandosi nella sua casa di Eremo di Curtatone. Tuttavia gli inquirenti vogliono approfondire le circostanze che hanno portato alla sua morte e, dopo aver ascoltato le testimonianze dei familiari, hanno già sequestrato pc e cellulari dell’ex primario che speriamo non facciano la fine dell’Agenda Rossa di Borsellino.

Appresa la notizia della morte di De Donno, sul web si sono moltiplicati i messaggi di cordoglio e solidarietà nei confronti del medico. Migliaia di utenti hanno condiviso sui social la sua immagine con la frase: “La terapia con il plasma costa poco, funziona benissimo non fa miliardari. E io sono un medico di campagna, non un azionista di Big Pharma”[7].

Una dichiarazione, fatta al quotidiano La Verità, che ha scatenato anche diverse dietrologie in riferimento al business dei vaccini generato dalla pandemia per le grandi case farmaceutiche che producono il siero e hanno contratti milionari con i vari governi.

Il gruppo di De Donno utilizzava plasma iperimmune donato gratuitamente dai malati Covid (costo sacca 80 euro), le 4 cure con anticorpi monoclonali approvate invece dall’ UE e prodotte dalle solite Multinazionali a partire da ottobre 2021 sono molto più costose.

La terapia con il plasma degli ospedali Poma e San Matteo, visti i successi senza controindicazioni, fu poi emulata in 116 centri clinici universitari. L’Istituto Superiore della Sanità (ISS) decise, nonostante l’esperienza del gruppo di ricerca di Giuseppe De Donno, di affidare come referente nazionale la fase di sperimentazione di questo tipo di cure all’ospedale di Pisa, sebbene avesse fino ad allora applicato la terapia solo a due pazienti rispetto alle decine di Mantova e Pavia[8].

De Donno è stato anche duramente attaccato da vari “guru” televisivi[9] a cui rispose con pacatezza: “”Siamo riusciti a Mantova, insieme con Pavia, a realizzare questa sperimentazione che è molto seria anche se qualcuno ha voluto farla passare addirittura per una cosa ciarlatanesca. Non solo il professor Burioni, ma anche altri. Su di me in queste ore ne hanno dette di ogni. Lui si permette giustamente di andare a parlare in tv, noi ci permettiamo di lavorare 18 ore al giorno al fianco dei nostri pazienti”[10]. Ha anche subito perquisizioni dei NAS[11].

Negli ultimi tempi De Donno aveva avuto quello che chiedeva. Cioè la possibilità di operare come medico di base dopo aver lasciato l’Azienda Ospedaliera Carlo Poma di Mantova[12]. Non avrà, questa nuova posizione lavorativa e la possibilità di qualificare protocolli già empiricamente funzionanti, irritato qualcuno? Recentemente aveva anche preso posizioni critiche sulle terapie geniche e gli obblighi vaccinali insistendo sull’importanza della prevenzione[13].

European Consumers ha sempre affermato quello che dovrebbe essere evidente a tutti: il virus è artificiale[14], è stato diffuso deliberatamente, le cure esistono, tra le prime una buona efficienza del sistema immunitario e la prevenzione[15], i vaccini servono solo ad arricchire inquietanti multinazionali[16] e tutta la narrativa è stata utilizzata per creare un sistema totalitario con il plauso di masse psico-programmate[17]. Qualsiasi cura efficace rappresenta di fatto una minaccia per la narrativa terroristica del Pensiero Unico e per le speculazioni economiche in corso sulle terapie mono-clonali[18].

Sono in molti a pensare che “De Donno è stato fatto uccidere”. Attendiamo le indagini della magistratura avere chiarezza sull’accaduto. Di interesse giudiziario, anche nell’eventualità che sia una fake, un post virale che gira sulle pagine social e dovrebbe essere attenzionato dalla Polizia Postale.

Vi è da ricordare che già ad aprile è diventata virale un audio-fake su un tentativo di ucciderlo[19].

Oltre a quella di Donno risaltano in tempi recenti una serie di morti sospette di immunologi ed ematologi. Fernando Aiuti è caduto il 9 gennaio nella tromba delle scale dell’ospedale Gemelli[20]. Una morte collegata dalla stampa a quella di Francesco Lo Coco, luminare dell’ematologia anch’esso ufficialmente suicida[21]. Recente anche il presunto suicidio di Lucio Marrocco, 56 anni, direttore di dipartimento dell’Azienda ospedaliera di Cosenza che gestiva la vaccinazione[22]. Naturalmente nessuno dei citati presunti suicidi “aveva mostrato nell’ultimo periodo segnali che facessero pensare a un gesto tanto drammatico”.

Vi è inoltre da ricordare le numerose morti negli anni scorsi di operatori olistici[23], quindi nemici per natura del sistema imperialista delle multinazionali farmaceutiche che, approfittando dell’ignoranza collettiva, spaccia come unica soluzione per raggiungere uno stato ottimale di salute sostanze sintetiche e pericolose terapie geniche e vaccinali. Questo sistema basato essenzialmente sul profitto sembra poter ricorrere a qualsiasi turpe azione pur di garantirsi il potere assoluto in campo sanitario.

Note

[1] Coronavirus, De Donno al Senato: “La politica vuole ammutolire la scienza” (14.05.20). https://www.youtube.com/watch?v=nVIq1Bqk3Wg

[2] La procura di Mantova apre un’inchiesta su De Donno. https://www.ansa.it/sito/notizie/cronaca/2021/07/28/la-procura-di-mantova-apre-uninchiesta-su-de-donno_13455d46-52a6-4e78-a59d-145fc0bee5fd.html; Morte Giuseppe De Donno, la procura di Mantova apre un’inchiesta. https://www.tgcom24.mediaset.it/cronaca/lombardia/morte-giuseppede-donno-la-procura-di-mantova-apre-un-inchiesta_36078790-202102k.shtml

[3] Giuseppe De Donno, morto a 54 anni il medico che avviò la cura anti-covid da plasma iperimmune https://www.repubblica.it/cronaca/2021/07/27/news/morto_suicida_giuseppe_de_donno_avvio_la_cura_anti-covid_da_plasma_iperimmune-312021769/

[4] http://web.archive.org/web/20200616190214/https://www.facebook.com/docgiuseppededonno/posts/118670209815277

[5] TGtg del 4 maggio 2020 – Giuseppe De Donno. https://www.youtube.com/watch?v=JCfAbJnmfM4

[6] De Donno rompe il silenzio stampa e spiega il motivo della sua «scomparsa». Sfumano le teorie di complotto – Il video. https://www.open.online/2020/05/08/de-donno-rompe-il-silenzio-stampa-e-spiega-il-motivo-della-sua-scomparsa-sfumano-le-teorie-di-complotto/?refresh_ce-cp

[7] Giuseppe De Donno, aperta inchiesta per omicidio colposo: sequestrati pc e cellulari. https://corrieredellumbria.corr.it/news/cronaca/28136537/giuseppe-de-donno-inchiesta-omicidio-colposo-squestrati-pc-cellulari.html

[8] Plasma “De Donno”: Affare tra Big Pharma coi Dem Marcucci e Gates. Tramite Azienda Israeliana. https://www.gospanews.net/2020/05/21/plasma-anti-sars-tolto-a-de-donno-furente-per-profitto-della-big-pharma-vicina-al-pd-sponsor-dei-vaccini-gsk/

[9] Burioni contrattacca: dubbi sul plasma iperimmune. https://www.dottnet.it/articolo/31565/burioni-contrattacca-dubbi-sul-plasma-iperimmune/

[10] De Donno vs Burioni: “Su plasma sperimentazione molto seria”. https://www.adnkronos.com/de-donno-vs-burioni-su-plasma-sperimentazione-molto-seria_1PhUwRHOp0jPQMpBsqSOVS

[11] I carabinieri da De Donno durante il governo Conte, Lega all’attacco. https://www.ilgiornale.it/news/politica/voglio-i-nomi-chi-nel-governo-conte-mand-i-carabinieri-de-1965428.html

[12] De Donno lascia il Poma: “andrò a fare il medico di famiglia”. https://www.youtube.com/watch?v=STXDzES5FkA

[13] De Donno – L’ultima sua audizione al senato in cui attaccava Burioni. https://www.byoblu.com/2021/07/28/de-donno-lultima-sua-audizione-al-senato-in-cui-attaccava-burioni/

[14] “È nato in laboratorio”. Lo studio sul Covid ora ribalta tutto. https://www.ilgiornale.it/news/cronache/nuovo-studio-afferma-covid-artificiale-ogni-oltre-1951157.html

[15] Il biologo Trinca: “Perché nella strategia anti-covid non c’è la prevenzione?”. https://www.italiachecambia.org/2021/04/ibiologo-trinca-strategia-anti-covid-prevenzione/

[16] Vaccini, chi ci guadagna (davvero)? https://www.corriere.it/salute/malattie_infettive/16_gennaio_14/vaccini-chi-ci-guadagna-davvero-e0ee8098-bad9-11e5-8d36-042d88d67a9f.shtml

[17] Covid, lockdown in autunno: la colpa sarà dei non benedetti dal siero. https://www.affaritaliani.it/blog/lampi-del-pensiero/covid-lockdown-in-autunno-la-colpa-sara-dei-non-benedetti-dal-siero-752008.html

[18] Plasma “De Donno”: Affare Tra Big Pharma Coi Dem Marcucci e Gates. Tramite azienda israeliana. https://www.gospanews.net/2020/05/21/plasma-anti-sars-tolto-a-de-donno-furente-per-profitto-della-big-pharma-vicina-al-pd-sponsor-dei-vaccini-gsk/

[19] Home bufala “il dottor de donno è ricoverato ed è molto grave”, l’audio del finto suicidio/omicidio. https://www.bufale.net/il-dottor-de-donno-e-ricoverato-ed-e-molto-grave-laudio-del-finto-suicidio-omicidio/

[20] Roma, muore al Gemelli Fernando Aiuti, l’immunologo della lotta all’Aids: ipotesi suicidio. https://roma.repubblica.it/cronaca/2019/01/09/news/ferdinando_aiuti_si_getta_da_una_finestra_del_gemelli-216175617/

[21] Francesco Lo Coco, luminare suicida. «Eravamo al ristorante, si è alzato e poi quel volo dal Ponte della Musica». https://roma.corriere.it/notizie/cronaca/19_marzo_06/medico-suicida-roma-ponte-musica-tevere-5a5e31f4-404b-11e9-bb83-aca868a1eb53.shtml?fbclid=IwAR02Wg1406-ObspSgJUNAO3tGLAJigqMNQlkAtuiFYMFMURkvaIDPlFJVkU

[22] Morto suicida Marrocco, il medico gestiva la vaccinazione a Cosenza. Oggi i funerali. https://cosenza.gazzettadelsud.it/articoli/cronaca/2021/01/07/morto-suicida-lucio-marrocco-il-medico-stava-gestendo-la-vaccinazione-covid-a-cosenza-cc7360c9-0709-4eaf-85ec-5a50c4ca7706/

[23] Analisi e resoconto degli oltre 90 ricercatori olistici trovati morti https://toba60.com/analisi-e-resoconto-degli-oltre-90-ricercatori-olistici-trovati-morti/

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizziamo solo i nostri cookie e quelli di terze parti per migliorare la qualità della navigazione, per offrire contenuti personalizzati, per elaborare statistiche, per fornirti pubblicità in linea con le tue preferenze e agevolare la tua esperienza sui social network. Cliccando su accetta, consenti l'utilizzo di questi cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.


Utilizzato per rilevare se il visitatore ha accettato la categoria di marketing nel banner dei cookie. Questo cookie è necessario per la conformità GDPR del sito web. Tipo: HTTP Cookie / Scadenza: 6014 giorni
  • YouTube

Utilizzato per verificare se il browser dell'utente supporta i cookie. Tipo: HTTP Cookie / Scadenza: 1 giorno
  • Google

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi