Attenzione alle false convocazioni della polizia postale

Più o meno siamo tutti quanti abituati a casi di email truffaldine che ci arrivano nella posta elettronica.
Nel caso però di un’email-phishing con oggetto un crimine informatico si è fatto un passo avanti, in quanto dichiararsi della polizia o usarne i suoi simboli senza appartenere a tale corpo è chiaramente un reato penale. Tuttavia, l’hacker/ingegnere sociale che ha inventato questa trappola sembra prendersene gioco.
A noi, che questo messaggio ci è arrivato, abbiamo preferito non aprirlo in quanto le forze dell’ordine, tipicamente, non usano questo mezzo per la convocazione. Ma chi, non sapendo questo, non si preoccuperebbe invece di aprire una email di convocazione della polizia? Pensiamo quasi tutti.
E’ proprio la polizia che consiglia di diffidare se vi arriva una email con oggetto “☆Settore Crimine Informatico – Convocazione – IT.242-1☆“ e consiglia di passare direttamente oltre tale messaggio.
Quindi NON APRITELO. E sappiate che, se le forze dell’ordine vogliono convocarvi, sono più “tradizionali”. E che, per chi si spaccia per loro attraverso l’inganno, hanno un’attenzione tutta speciale…

10 Commenti

  1. Ezio Amore

    Buongiorno
    Ho ricevuto i seguenti messaggi, e – ingenuamente – li ho aperti:
    Settore Crimine Informatico – Convocazione – (Nr.X9GU4X37OF-IT)
    Settore Crimine Informatico – Convocazione – (Nr.X9GU4X37OF-IT
    Nel secondo compare una richiesta di 5400 € per la risoluzione del problema
    Confermo, così come ho già precisato a loro, di non aver MAI nè visualizzato nè divulgato materiale pedopornografico, secondo la loro accusa;
    Spero possiate individuarli.
    Buon lavoro e buona giornata.

    Rispondi
    • Marco Tiberti

      Tutte queste email non vanno nemmeno aperte. Controllate sempre gli indirizzi prima di aprire qualsiasi email e nel dubbio è sempre meglio cancellare per non avere guai peggiori

      Rispondi
  2. Nicola

    Io l ho aperta pur non aprendo l allegato. Posso aver infettato il pc? Qualcuno può darmi una risposta, per favore? Grazie

    Rispondi
    • PietroBianco

      Salve. Il virus è nell’allegato.

      Rispondi
  3. Piccin Maximo

    Salve, ho aperto l’allegato. Cosa devo fare per proteggere i miei dati? Ho bloccato l’indirizzo e l’ho segnalato come pishing

    Rispondi
    • PietroBianco

      Per proteggere i suoi dati deve semplicemente eliminare ogni posta sospetta senza aprire in alcun modo eventuali allegati. La semplice ricezione non è in grado di penetrare il sistema.

      Rispondi
  4. ANTONINO SOLIMANDO

    Anche io ingenuamente ho aperto la lettera e il relativo allegato, perchè prima di tutto non mi sono accorto che la mail proveniva dal dominio “magenta.de” , ovvero da un dominio straniero. Ora non mi resta che affidarmi a un buon antivirus.
    Grato per i Vostri suggerimenti, porgo cordiali saluti.

    Rispondi
  5. sami houimli

    la mia navigazione in internet alla biblioteca di roma è condivisa su internet, via pignetto ,22 rome , sito subito lavoro e blocatto , miei mails sono blocatti ance , la mia casella postale.

    Rispondi
  6. Miriam

    Buonasera, anche io ho aperto l’allegato tramite il mio cellulare. Cosa succede adesso? Il mio dispositivo è infettato e possono risalire ad eventuali password soprattutto dei conti in banca

    Rispondi
    • PietroBianco

      Devi farti pulire il cellulare da un esperto.

      Rispondi

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizziamo solo i nostri cookie e quelli di terze parti per migliorare la qualità della navigazione, per offrire contenuti personalizzati, per elaborare statistiche, per fornirti pubblicità in linea con le tue preferenze e agevolare la tua esperienza sui social network. Cliccando su accetta, consenti l'utilizzo di questi cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.


Utilizzato per rilevare se il visitatore ha accettato la categoria di marketing nel banner dei cookie. Questo cookie è necessario per la conformità GDPR del sito web. Tipo: HTTP Cookie / Scadenza: 6014 giorni
  • YouTube

Utilizzato per verificare se il browser dell'utente supporta i cookie. Tipo: HTTP Cookie / Scadenza: 1 giorno
  • Google

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi