Terapie geniche o vaccini?

Una petizione di principio è una tesi che si ritiene implicitamente vera ma è frutto di una costruzione logica che poggia su una base non veritiera.

E’ il caso dei sieri genici usati per contrastare la SARS-CoV-2 e spacciati per vaccini, propagandati come medicamento ‘efficace’ e ‘sicuro’ pur non essendo stato testato.

Cos’è un vaccino?

Tradizionalmente un vaccino è realizzato con virus o batteri attenuati o inattivati o un frammento proteico che caratterizza il patogeno. Prima di essere testati necessitano di svariati anni per lo sviluppo.

Molto diversi, dunque, dai sieri usati per contrastare la malattia COVID-19, ancora in fase sperimentale.

I sieri in questione sono, in realtà una variante delle terapie geniche e usano DNA ricombinante o RNA messaggero modificato biochimicamente ed inseriti nell’organismo o nella cellula attraverso vettori di virus ricombinanti o nanoparticelle lipidiche estranei all’organismo. E’ preoccupante che in tutto il mondo siano state create false aspettative sulla funzione di sostanze i cui rischi associati a trasferimento genico orizzontale o verticale sono già noti in agricoltura[1].

Per la creazione di questi sieri viene utilizzata la tecnologia CRISPeR, una specie di forbice capace di tagliare un tratto di DNA indesiderato attraverso una guida (gRNA). Attraverso questa tecnica è possibile passare dall’ingegneria degli individui a quella delle popolazioni[2]. Cioè è possibile che una intera specie (animali o esseri umani) ereditino un carattere in breve tempo, anche se si tratta di caratteristiche svantaggiose.

Nel 2018 viene scoperto che questa tecnologia è tutt’altro che sicura in quanto provoca il ‘caos genico’: l’organismo riconosce di aver ricevuto un danno e i riparatori cellulari mandano pezzi casuali di DNA sulla ‘ferita’, provocando danni alla salute di chi riceve una terapia genica. Ad esempio può accadere che vengano silenziati alcuni geni o che ne vengano attivati degli altri cancerogeni. E’ il motivo per cui questo tipo di esperimento è stato condotto solo su esseri umani affetti da gravi patologie. Inoltre è stato visto che esistono comportamenti sconosciuti del DNA anche in tratti lontani dal punto in cui è avvenuta la modificazione CRISPeR. In pratica le modificazioni genetiche provocano cambiamenti nel DNA che rimangono totalmente fuori controllo[3].

E’ per questo che un po’ in tutto il mondo gli scienziati mostrano preoccupazione per la tendenza generalizzata a inoculare queste sostanze alle masse e senza alcun criterio medico/scientifico[4].

Rimane un mistero, quindi, la ragione che induce funzionari governativi e ‘fact checker’ a negare ciò che è chiaro alla Scienza in ogni parte del mondo.

La ragione risiede, forse, nella spaccatura che si è creata nello stesso mondo della ricerca dove la scienza della regolamentazione non risponde ad altro se non ai finanziatori privati e alle loro esigenze finanziarie[5] rimanendo ben lontana dalla ‘scienza degna’ che risponde al principio di precauzione e all’etica e compatibili con la vita sulla Terra e la sicurezza per l’Umanità[6].

Chiara Madaro

[1] Pronunciamiento de la UCCSNAL sobre nuevas vacunas genéticas o transgénicas en contexto de SARS COVID19’, disponibile in:  http://uccsnal.org/pronunciamiento-de-la-uccsnal-sobre-nuevas-vacunas-geneticas-o-transgenicas-en-contexto-de-sars-covid19/

[2] Nikolai Windbichler, Miriam Menichelli, Philippos Aris Papathanos, Summer B. Thyme, Hui Li, Umut Y. Ulge, Blake T. Hovde, David Baker, Raymond J. Monnat, Austin Burt, Andrea Crisanti, ‘A synthetic homing endonuclease-based gene drive system in the human malaria mosquito’, 20 aprile 2011, disponibile in: https://www.nature.com/articles/nature09937#affil-auth

[3] Janet Cotter (Logos Environmental), Dana Perls (Friends of the Earth), ‘Gene-edited organisms in agriculture: Risks and unexpected consequences’, settembre 2018, disponibile in: https://1bps6437gg8c169i0y1drtgz-wpengine.netdna-ssl.com/wp-content/uploads/2018/09/FOE_GenomeEditingAgReport_final.pdf

[4] UCCSNAL, ‘Vacunas COVID19: incertidumbres, preocupaciones y aspectos vulnerados’, agosto 2021 disponibile in: http://uccsnal.org/pronunciamiento-uccsnal-sobre-vacunas-covid19/

[5] https://www.foodnavigator.com/Article/2013/11/29/Monsanto-GM-study-fallout-Seralini-stands-firm-over-retraction

[6] Francesco Zini, ‘Il principio di responsabilità e il tuziorismo’, in: Centru Studi  Biogiuridici, LUMSA, ‘Il principio di precauzione tra filosofia biodiritto e biopolitica’, Edizioni Studium, 2008

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizziamo solo i nostri cookie e quelli di terze parti per migliorare la qualità della navigazione, per offrire contenuti personalizzati, per elaborare statistiche, per fornirti pubblicità in linea con le tue preferenze e agevolare la tua esperienza sui social network. Cliccando su accetta, consenti l'utilizzo di questi cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.


Utilizzato per rilevare se il visitatore ha accettato la categoria di marketing nel banner dei cookie. Questo cookie è necessario per la conformità GDPR del sito web. Tipo: HTTP Cookie / Scadenza: 6014 giorni
  • YouTube

Utilizzato per verificare se il browser dell'utente supporta i cookie. Tipo: HTTP Cookie / Scadenza: 1 giorno
  • Google

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi