Emendamento caccia selvaggia: European Consumers denuncia alla Commissione Europea la violazione della direttiva Habitat

In seguito all’approvazione, da parte del Governo italiano, di un emendamento che modifica in senso peggiorativo la legge 11 febbraio 1992, n. 157 “Norme per la protezione della fauna selvatica omeoterma e per il prelievo venatorio”[1], consentendo la caccia nelle aree protette e perfino in città, senza badare ai divieti o alla chiusura della stagione venatoria, European Consumers APS ha inviato al Direttorato Generale per l’Ambiente della Commissione Europea una richiesta di messa in mora (vedi allegato).

European Consumers APS ha segnalato come in tali modifiche siano evidenti violazioni della Direttiva 92/43/CEE inerente la protezione di specie e habitat di interesse europeo, dato che di fatto si permette di cacciare specie tutelate in tutte le aree protette ignorando anche la Valutazione di Incidenza Ambientale prevista per tali aree.

La valutazione di incidenza ambientale (in acronimo VINCA o VI) è un atto previsto dal diritto dell’Unione Europea che ha lo scopo di accertare preventivamente se determinati progetti possano avere incidenza significativa sulle specie e gli habitat nei Siti di Importanza Comunitari (SIC), nelle Zone Speciali di Conservazione e nelle Zone di Protezione Speciale (ZPS).

Tale normativa è del tutto ignorata mentre in passato veniva garantita (insieme al rispetto delle normative nazionali di tutela ambientale) attraverso il coinvolgimento dell’Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale i cui pareri, secondo l’emendamento, non hanno più un carattere vincolante[2], ma solamente consultivo.

A livello nazionale gli esperti dell’associazione hanno, del resto, constatato anche la violazione della Legge quadro sulle aree protette n. 394 del 6-12-1991[3] che proibisce nelle aree protette la cattura, l’uccisione, il danneggiamento, il disturbo delle specie animali e l’introduzione, da parte di privati, di armi, esplosivi e qualsiasi mezzo distruttivo o di cattura, se non autorizzati dalle Autorità di gestione;

È direttamente violato, inoltre, l’art. 9 della Costituzione[4] che, oltre al patrimonio artistico e culturale, tutela l’ambiente, la biodiversità e gli ecosistemi.

Risulta violato anche il Dispositivo dell’art. 3 quater Codice dell’ambiente[5] che afferma che l’attività della pubblica amministrazione deve essere finalizzata a consentire la migliore attuazione possibile del principio dello sviluppo sostenibile, per cui nell’ambito della scelta comparativa di interessi pubblici e privati connotata da discrezionalità gli interessi alla tutela dell’ambiente devono essere oggetto di prioritaria considerazione. Inoltre la risoluzione delle questioni che involgono aspetti ambientali deve essere cercata e trovata nella prospettiva di garanzia dello sviluppo sostenibile, in modo da salvaguardare il corretto funzionamento e l’evoluzione degli ecosistemi naturali dalle modificazioni negative che possono essere prodotte dalle attività umane.

European Consumers APS sta quindi procedendo ad elaborare i dispositivi legali adeguati per agire anche a livello nazionale per contrastare l’ennesimo scempio contro la Biodiversità Italiana che, lo ricordiamo, nonostante gli scempi è ancora la più ricca d’Europa.

Per leggere il testo integrale della Segnalazione inviata alla UE:

Violation of directive 92-43-EEC

Note

[1] Legge 11 febbraio 1992, n. 157 Norme per la protezione della fauna selvatica omeoterma e per il prelievo venatorio. (GU Serie Generale n.46 del 25-02-1992 – Suppl. Ordinario n. 41). https://www.gazzettaufficiale.it/eli/id/1992/02/25/092G0211/sg

[2] European Consumers procederà a livello europeo e internazionale contro gli emendamenti alla legge sulla caccia che elimina le norme di tutela per le specie protette. https://www.europeanconsumers.it/2022/12/31/european-consumers-procedera-a-livello-europeo-e-internazionale-contro-gli-emendamenti-alla-legge-sulla-caccia-che-elimina-le-norme-di-tutela-per-le-specie-protette/

[3] Legge 6 dicembre 1991, n. 394 Legge quadro sulle aree protette. (GU Serie Generale n.292 del 13-12-1991 – Suppl. Ordinario n. 83). https://www.gazzettaufficiale.it/eli/id/1991/12/13/091G0441/sg

[4] Articolo 9 della Costituzione. https://www.senato.it/istituzione/la-costituzione/principi-fondamentali/articolo-9

[5] Dispositivo dell’art. 3 quater Codice dell’ambiente. D.lgs. 3 aprile 2006, n. 152

https://www.brocardi.it/codice-dell-ambiente/parte-prima/art3quater.html?utm_source=internal&utm_medium=link&utm_campaign=articolo&utm_content=nav_art_prec_top

 

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizziamo solo i nostri cookie e quelli di terze parti per migliorare la qualità della navigazione, per offrire contenuti personalizzati, per elaborare statistiche, per fornirti pubblicità in linea con le tue preferenze e agevolare la tua esperienza sui social network. Cliccando su accetta, consenti l'utilizzo di questi cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.


Utilizzato per rilevare se il visitatore ha accettato la categoria di marketing nel banner dei cookie. Questo cookie è necessario per la conformità GDPR del sito web. Tipo: HTTP Cookie / Scadenza: 6014 giorni
  • YouTube

Utilizzato per verificare se il browser dell'utente supporta i cookie. Tipo: HTTP Cookie / Scadenza: 1 giorno
  • Google

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi